Share

Racconti di Viaggio

Home/Racconti di Viaggio
Febbraio 28, 2018
Il cuore della Scozia tra castelli e leggende. Pittoresca, terra di eroi leggendari, montagne imponenti, paesaggi magnifici, antiche foreste, vallate solitarie e silenziose, fiumi e laghi che si confondono con i profondissimi fiordi dell'oceano e territori selvaggi che sapranno togliervi il fiato. Non vi resta che andare a scoprire le storie uniche di questi paesaggi e di queste meraviglie architettoniche.
Febbraio 27, 2018
Chi viaggia a capodanno viaggia tutto l'anno. Vii racconto il viaggio intrapreso: 9 giorni on the road attraverso l'Europa centro-orientale toccando le seguenti città: Graz, Vienna, Bratislava, Budapest, Zagabria e Lubiana
Febbraio 26, 2018
Per noi amanti dei viaggi la Scandinavia ha sempre rappresentato una tappa affascinante e suggestiva, un “must” immancabile prima o poi nella vita. La bellezza dei paesaggi da cartolina delle città nordiche, l’organizzazione perfetta e tutte quelle caratteristiche così diverse dalla nostra realtà quotidiana sono quasi impossibili da resistere per chi come noi ha sete di scoperte.
Il complesso in questione è enorme, oltre venti edifici a più piani completamente abbandonato a se stesso. La struttura non crea particolare timore, si respira tanta disperazione, le mura riecheggiano ancora delle grida disperate di centinaia di persone, alcune nate, cresciute e morte dentro questo complesso. Penetrare in quel luogo significa entrare in una bolla di tempo sospesa, in cui a dominare le tue emozioni sono sensi che solitamente restano sopiti, a capo di tutti una fortissima empatia stimolata in continuazione da spunti visivi forti.
Di solito quando arriviamo in un posto abbandonato si percepisce un odore particolare, l'odore del legno e della muffa che fanno da padroni. Questa volta invece sembra di essere entrati nella casa di qualcuno assente per una vacanza, nessun pavimento sconnesso e nessun cedimento strutturale, anche se in realtà è disabitata da anni, proprio come ci raccontano gli  abitanti del paese. Sembra di stare in un museo senza una guida, un posto che parla con piccole tracce nascoste aspettando in una bolla di tempo sospeso. Ci sono mobili, vestiti, libri, giocattoli, fotografie e quadri, proprio le figure ritratte in quest'ultime due sembrano osservare il passare del tempo all'interno della villa, ricordandoci che siamo soltanto ospiti per quel momento e invitandoci a riportare questa dimora agli splendori di un tempo. Questo edificio è un vero e proprio monito all'impermanenza e alla provvisorietà di ciò che ci circonda.
Tra le risaie piemontesi è possibile trovare il Castello di R. con una storia davvero interessante, oltre a non essere segnato sulle guide se si prova a chiedere indicazioni si viene indirizzati ad un altro castello identico nel centro del paese. Questo castello "clonato" venne fatto costruire ad appena duecento metri dall'originale castello medievale. Forse è proprio per questo che è così interessante, alla fine le modalità di costruzione e la follia del suo vero proprietario lo rendono un castello unico al mondo.
error: