Share
Prova della fotocamera mirrorless Sony A7 III in Vietnam
Quest’estate ho avuto finalmente l’occasione di testare la Sony A7 III, una fotocamera che ha letteralmente preso il sopravvento sulle concorrenti e superato in prestazioni anche le classiche reflex. Questa è la mia recensione dopo una prova sul campo, precisamente nel mio viaggio in Vietnam, quindi non vedrete foto in macro con dettagli croppati o scatti con ISO differenti ma soltanto i miei pareri dopo una lunga prova. Rispetto ai modelli precedenti A7 e A7 II, la nuova Sony A7 III è migliorata in tutto, la rivoluzione più grande è il nuovo sensore retroilluminato da 24,2 megapixel oltre all’evoluto sistema di elaborazione delle immagini che rispondono a diverse esigenze di scatto. Durante i miei scatti mi sono potuto rendere conto che questo sensore, anche se con la stessa risoluzione dell’A7 II, garantisce prestazioni eccellenti in condizione di luce intensa e anche in caso di scarsa illuminazione. La Sony la considera una mirrorless full frame basic, ma non ha nulla da invidiare alle sue sorelle maggiori, anzi le ha rubato le qualità migliori. Forse il salto maggiore è stato il sistema AF e i punti di messa a fuoco che sono arrivati ad essere 693 con rilevamenti di fase, più 425 punti AF a rilevamento di contrasto per migliorare la messa a fuoco. Le prestazioni del tracking AF assicurano nella maggior parte delle volte una precisione continua negli scatti, mi è capitato di avere qualche problema ma abbastanza raramente e in condizione di scarsa luminosità.
Il Fusion Suites Sai Gon: design unico per il moderno avventuriero urbano
Il Fusion Suites Sai gon è diventato un innovatore e leader di hotel e resort ispirati al benessere. Il design così giovanile e fresco lo contraddistingue dagli altri hotel che hanno uno stile più classico, l’ingresso è ampio e arioso, illuminato dal mattino al tramonto, uno spazio piacevole dove rilassarsi. Il legno è un materiale che si ritrova ovunque nell’hotel come un filo conduttore che unisce gli elementi d’arredo e le decorazioni alle pareti nella lounge. Particolari oggetti inusuali sono appesi in una libreria rettangolare, questi creano un gioco non banale da ammirare. L’oggetto più particolare è sicuramente la Vespa scomposta appesa sulle due pareti modulari. I colori predominanti sono quelli pastello, perfettamente in armonia con l’atmosfera creata dall’illuminazione e dal legno. Accanto alla lounge, come prolungamento di questo ambiente si delinea la sala della colazione dove è possibile degustare cibi deliziosi accomodati su morbidi cuscini colorati.
Privacy Policy
error: