Share

Urbex Piemonte, l’enorme manicomio abbandonato di V.

Home/Urbex/Urbex Piemonte, l’enorme manicomio abbandonato di V.
Urbex Piemonte, l’enorme manicomio abbandonato di V.
Febbraio 25, 2018
by
in Urbex

La località come al solito rimane segreta, non per fare il misterioso, ma per preservarla da ulteriori incursioni vandaliche. Il manicomio abbandonato in questione è enorme, oltre venti edifici a più piani completamente lasciati a se stessi. All’interno diversi padiglioni, i più interessanti dei quali sono appunto quelli utilizzati per la pratica avulsa dell’elettroshock, delle vasche per l’inutile idroterapia, e di altre amenità mediche praticate sino a poco tempo fa in questi istituti.

Da notare il teatro, andato a fuoco tempo addietro.

Questo manicomio abbandonato di per se non crea particolare timore, si respira però tanta disperazione, le mura riecheggiano ancora delle grida disperate di centinaia di persone, alcune nate, cresciute e morte dentro questo complesso.

Sono presenti gli archivi, da cui si evince la mole di persone che gestivano questo complesso.

L’idea generale è una tremenda tristezza mista ad agonia, dove ad essere imprigionati non erano solo i pazienti, ma anche coloro i quali cercavano di aiutarli, in un girotondo infinito di amore e odio.

Penetrare in quel luogo significa entrare in una bolla di tempo sospesa, in cui a dominare le tue emozioni sono sensi che solitamente restano sopiti, a capo di tutti una fortissima empatia stimolata in continuazione da spunti visivi forti.

Negli uffici amministrativi sono presenti ancora i quaderni con i turni degli infermieri, che si scambiavano messaggi e cose da fare tra una fascia oraria e l’altra.

Era sicuramente presente una scuola professionale per infermieri, presentimento giustificato dal ritrovamento di scritti su protocollo per un esame e libri di studio.

La passione per le esplorazioni urbane nasce dalla necessità di scavare a fondo nella mente delle persone. Cosa c’è di meglio se non osservare la loro evoluzione attraverso edifici abbandonati con il tempo ma che all’epoca rivestivano un’importanza vitale?

Urbex Piemonte: manicomio abbandonato 

1 commento on This Post

[…] solito quando arriviamo in un posto abbandonato si percepisce un odore particolare, l’odore del legno e della muffa che fanno da padroni. […]

Urbex Toscana: La maestosa e ormai abbandonata Villa E.
Settembre 10, 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: